NEWS
Notizie dal mondo immobiliare, rassegna stampa e iniziative




feedbackfeedback



Gagliardi Immobiliare Edilizia: chiude il Laterificio Meridionale La crisi finanziaria e immobiliare partita negli Stati Uniti nel 2008 miete un'altra vittima di peso nel settore del laterizio a Lucera. E' notizia di oggi la chiusura dello stabilimento Laterificio Meridionale su via Pietra. Un'altra perdita importante per Lucera sia dal punto di vista industriale che occupazionale.
Gagliardi Immobiliare In vigore maggiori tutele per l'acquirente Secondo quanto previsto dalla “Legge sulla concorrenza” le parti o anche una di loro potrà richiedere al notaio di aderire al deposito del prezzo: in questo caso al momento dell’atto notarile il notaio tratterrà la somma pattuita per la compravendita e la depositerà su un apposito conto corrente fino alla trascrizione del trasferimento dell’immobile. Una norma che protegge l’acquirente da pignoramenti e ipoteche, rendendo più sicuro il suo acquisto nel periodo compreso dal momento dell’ultima ispezione dei Registri immobiliari fino al momento della effettiva trascrizione.
Gagliardi Immobiliare Volturino: venduta una bellissima palazzina Pochi giorni fa abbiamo venduto un bellissimo immobile a Volturino e una delle proprietarie, Maria Mucciacito, da anni residente in Germania, ci ha scritto una recensione in tedesco. "Absolut Empfehlenswert! Nachdem nun der Verkauf des Haus meines Vaters in Volturino sehr zufriedenstellend abgeschlossen ist, möchte ich hiermit meine Dank aussprechen!!!...."
Gagliardi Immobiliare Lucera: approvato il nuovo piano regolatore Dopo 43 anni Lucera ha il nuovo Piano Regolatore Generale. Un evento storico atteso da anni, approvato dopo un iter lungo iniziato con l'amministrazione Dotoli e fortemente voluto dal sindaco Tutolo. Una pianificazione urbanistica che potrebbe dare un po' di fiato all'economia della città.
Gagliardi Immobiliare Torna il sabato dell’Open House Da sabato 15 ottobre ricominciano i sabato dell’Open House a Lucera. In questa giornata è possibile visitare senza appuntamento e senza limiti di tempo l’appartamento in cui si svolge l’evento. Vi aspettiamo sabato dalle 10:30 alle 12!!!
Pag 11 di 34 - <<11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 >>

Giuseppe Aufiero: "Storia della Conservatoria dei registri immobiliari di Lucera"

Gagliardi Immobiliare

L’Ufficio di Lucera venne aperto il 01 Aprile del 1809 (di sabato) alla presenza dell’allora Sindaco Onofrio Bonghi, dei decurioni del Comune e le autorità militari, con nomina a “Primo Conservatore” dell’avvocato lucerino Francesco Paolo Cassitto, padre del futuro primo senatore di Capitanata, Raffaele Cassitto.
La Conservatoria di Lucera per la sua vasta giurisdizione era di prima classe e la quindicesima di tutto il regno.
Con la nascita del Regno d’Italia (17 marzo 1861), l’Ufficio cambia la propria denominazione da “Conservazione a Conservatoria”, mantenendo intatte tutte le sue competenze. Bisogna attendere almeno un quinquennio (1866) per trovare atti con il sigillo di S.M. Vittorio Emanuele II°.
Della sua sede iniziale non si conosce esattamente l’ubicazione, anche se, nei locali dei frati minori conventuali (attuale piazza Tribunali), si ipotizza la presenza della nostra Conservatoria associata con l’archivio e la camera notarile.
Da fonte certa storica nel 1888, la Conservatoria era situata in corso Garibaldi al n.27 presso il palazzo De Peppo ora degli eredi del defunto Notaio Vincenzo Grasso, in seguito, dal 1924, nei locali laterali della Chiesa del Carmine. Dal 07.01.1971 in Via Maria De Peppo Serena n. 44.
Il 26 luglio 2012 è stata spostata nella nuova sede di via Vincenzo Scarano 145.
L’archivio della Conservatoria, composto da titoli e note, è uno scrigno prezioso, ricco di istrumenti, testamenti, convenzioni matrimoniali e tant’altro, non solo della città di Lucera ma di tutta la provincia di Foggia.
I fascicoli più antichi risalgono al 1866 dove si può apprezzare ed ammirare la maestria calligrafa pregevolissima dei “Notari”.
Si spera che questo Ufficio, con il suo immenso patrimonio, possa essere mantenuto a disposizione di tutta la collettività almeno per altri 200 anni.

Giuseppe AUFIERO



28/10/2017