NEWS
Notizie dal mondo immobiliare, rassegna stampa e iniziative




feedbackfeedback



Gagliardi Immobiliare Dott.ssa Mydia Susanna: la cedolare secca sulle locazioni commerciali Da qualche mese è diventata realtà la Cedolare secca per i locali commerciali. Antonio Lembo, consulente Gagliardi Immobiliare ne parla con la dottoressa Mydia Susanna, commercialista in Lucera.
Gagliardi Immobiliare Gagliardi immobiliare: venduto appartamento in via Gioberti Splendido appartamento quello venduto ieri in via Gioberti nel quartiere di Porta San Severo a Lucera. Posto al secondo piano si caratterizza per le ampie camere e soprattutto la luminosità.
Gagliardi Immobiliare Lucera: domani inaugura lo store Domani 11 aprile alle ore 10.00 in Piazza del Popolo a Lucera aprirà "8 Marzo", uno store di abbigliamento di 330 mq. Noi di Gagliardi Immobiliare ve ne avevamo parlato in anteprima qualche tempo fa quando fittammo il locale, ma ormai è giunto il momento di aprire nuovamente al pubblico questo grande spazio commerciale.
Gagliardi Immobiliare Il rent to buy: un modo alternativo di acquistare casa? Rent to buy? Ne parliamo con il notaio Orfina Scrocco. Dopo delle Agevolazioni per l’acquisto della prima casa, la donazione ed il testamento, quest’oggi, ci occupiamo di un argomento altrettanto “caldo” : il Rent to buy.
Gagliardi Immobiliare Casolare con terreno su via San Giusto Ecco la nuova VIDEO PRESENTAZIONE di Antonio Lembo che quest'oggi ci mostra una splendida casa in campagna a 4 km da Lucera. L'immobile è nuovo ed è circondato da tanto verde, alberi di ulivo e da frutta. Il casolare è dotato di tutti i confort. Non vi resta che gustarvi il video.....
Pag 1 di 29 - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>

La casa diventa di lusso con il seminterrato



Per la cassazione si deve far riferimento alla superficie utile complessiva, non solo a quella abitabile. Per la suprema corte per stabilire se un immobile è di lusso si possono escludere balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti auto, ma non il seminterrato. Così si perde l'agevolazione sulla prima casa.

Dal sito www.edilportale.com

I piani seminterrati non abitabili devono essere conteggiati nella superficie utile che, insieme ad altri fattori, determina se un’abitazione è di lusso e se ha diritto alle agevolazioni per la prima casa. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 10807/2016.

Immobili di lusso
In base al DM 2 agosto 1969, le abitazioni “di lusso” hanno diverse caratteristiche. Appartengono in particolare a questa categoria:
- le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 mq o campi da tennis con superficie drenata di almeno 650 mq;
- le case composte di uno o più vani costituenti unico alloggio padronale aventi superficie utile complessiva superiore a 200 mq (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto macchine) ed aventi come pertinenza un'area scoperta della superficie di oltre sei volte l'area coperta;
- le singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a 240 mq (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto macchine).

Per essere classificate “di lusso” è sufficiente possedere una sola di queste caratteristiche. Definite le regole, è quindi necessario capire cosa si intende per superficie utile.

Immobili di lusso e superficie utile
Secondo i giudici, nella superficie utile vanno conteggiati anche i locali non abitabili, quindi anche i seminterrati con un’altezza inferiore a quella prescritta dal regolamento edilizio comunale.

Nel caso preso in esame, il regolamento edilizio prevedeva un’altezza minima di 2,70 metri per riconoscere l’abitabilità ai piani inferiori. Il locale in questione era invece alto 2,60 metri. Non essendo abitabile, secondo il proprietario doveva essere escluso dal conteggio della superficie utile.

Escludendolo, l’immobile avrebbe avuto una superficie inferiore a 240 metri quadri e per il suo acquisto il proprietario avrebbe potuto usufruire delle agevolazioni riconosciute alle prime case, cioè delle imposte di registro, ipotecaria e catastale ridotte.

La Cassazione ha bocciato questa interpretazione stabilendo che per il calcolo della superficie utile non è necessaria l’abitabilità del locale. L’acquirente ha quindi pagato le imposte con aliquota piena.



04/10/2016