Home page
 
 
Lucera come era nel 1680
 
Lucera nel 1680 - Abate Giovan Battista Pacichelli


   
 
Lucera: brevi cenni storici
 
DA VEDERE
L'anfiteatro romano
La Fortezza Svevo-Angioina
Il Museo "Fiorelli"
La Cattedrale
Chiesa di San Francesco
San Francesco Antonio Fasani
 
ACQUISTI
Cosa comprare a Lucera
Il vino e le Cantine
 
MEZZI DI TRASPORTO
Come arrivare a Lucera
Mezzi di trasporto a Lucera
 
CURIOSITA'
I "Cicatill": come si fanno
 
 
 
LUCERA NEL 1680
Lucera foto storica
 
LUCERA NEL 1813
Lucera nel 1813
 
 
 
LE CANTINE DI LUCERA
Vino e cantine a Lucera
 
 
 
 
Lucera nel 1680, così come appriva agli occhi dell’Abate Giovan Battista Pacichelli che la visitò durante uno dei suoi viaggi in Puglia.

L'abate Giovan Battista Pacichelli (Roma, 1634 – Roma, 1695) fu un grande viaggiatore che negli anni percorse quasi tutta l'Europa.
Membro della Chiesa ma anche storiografo, tra il 1680 e il 1687, invitato da Rinuccio II Farnese, duca di Parma, compì quattro viaggi in Puglia.
Frutto di tali viaggi sono quattro resoconti di estrema importanza per la storiografia e lo studio dei costumi. Tali resoconti furono in seguito pubblicati nell'opera postuma "Il Regno di Napoli", del 1703.



Il Pacichelli visitò molto probabilmente Lucera nel biennio 1680 - 1681. Il primo resoconto, infatti, è interamente dedicato alle province di Capitanata e della Terra di Bari; più breve e meno avventuroso del precedente fu il viaggio affrontato nella primavera del 1684, che gli consentì di raggiungere per la prima volta la Terra d'Otranto; nel 1686 percorse le Terre della Daunia fino al Capo d'Otranto dove ritornò l'anno successivo per il suo quarto e ultimo viaggio pugliese.

L'immagine che riportiamo ci mostra una Lucera ancora circondata da mura e turrita. Nella cinta della fortezza si vede ancora il Palatium di Federico II ora ridotto a rudere. Nella parte bassa dell'immagine c'è l'elenco degli edifici ecclesiastici esistenti in città, identificati con una lettera dell'alfabeto.