NEWS
Notizie dal mondo immobiliare, rassegna stampa e iniziative




feedbackfeedback



Gagliardi Immobiliare Lucera: approvato il nuovo piano regolatore Dopo 43 anni Lucera ha il nuovo Piano Regolatore Generale. Un evento storico atteso da anni, approvato dopo un iter lungo iniziato con l'amministrazione Dotoli e fortemente voluto dal sindaco Tutolo. Una pianificazione urbanistica che potrebbe dare un po' di fiato all'economia della città.
Gagliardi Immobiliare Torna il sabato dell’Open House Da sabato 15 ottobre ricominciano i sabato dell’Open House a Lucera. In questa giornata è possibile visitare senza appuntamento e senza limiti di tempo l’appartamento in cui si svolge l’evento. Vi aspettiamo sabato dalle 10:30 alle 12!!!
Gagliardi Immobiliare La casa diventa di lusso con il seminterrato Per la cassazione si deve far riferimento alla superficie utile complessiva, non solo a quella abitabile. Per la suprema corte per stabilire se un immobile è di lusso si possono escludere balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti auto, ma non il seminterrato. Così si perde l'agevolazione sulla prima casa.
Gagliardi Immobiliare Mario Lepore presenta il gres da 3 mm. Mai stato così semplice ed economico ristrutturare casa Il titolare della storica azienda lucerina, fondata 120 anni fa, specializzata nella fornitura di elementi sanitari, rubinetterie, mobili, pavimenti e rivestimenti, ha presentato a noi di Gagliardi Immobiliare il gres porcellanato da 3mm di spessore. Abituati a pavimenti spessi 1 cm, non potevamo credere ai nostri occhi. E non abbiamo messo molto a capire la portata innovativa di questo materiale, ideale per le ristrutturazioni in quanto applicabile sui vecchi pavimenti senza dover eseguire eccessive opere edili.
Gagliardi Immobiliare Gagliardi Immobiliare: la Pasqua è più buona coi Diversabili L’agenzia Gagliardi Immobiliare di Lucera ha voluto augurare Buona Pasqua ai suoi clienti aprendo in anticipo un uovo di cioccolato di sette chili. La delizia è stata realizzata dal laboratorio de “I diversabili”, associazione di volontariato lucerina nata 24 anni fa da un gruppo di genitori di ragazzi diversamente abili, spinti dall’esigenza di assicurare a questi ultimi un’esistenza il più possibile vicina alla normalità e quindi un futuro migliore.
Pag 1 di 24 - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>

La casa diventa di lusso con il seminterrato



Per la cassazione si deve far riferimento alla superficie utile complessiva, non solo a quella abitabile. Per la suprema corte per stabilire se un immobile è di lusso si possono escludere balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e posti auto, ma non il seminterrato. Così si perde l'agevolazione sulla prima casa.

Dal sito www.edilportale.com

I piani seminterrati non abitabili devono essere conteggiati nella superficie utile che, insieme ad altri fattori, determina se un’abitazione è di lusso e se ha diritto alle agevolazioni per la prima casa. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 10807/2016.

Immobili di lusso
In base al DM 2 agosto 1969, le abitazioni “di lusso” hanno diverse caratteristiche. Appartengono in particolare a questa categoria:
- le abitazioni unifamiliari dotate di piscina di almeno 80 mq o campi da tennis con superficie drenata di almeno 650 mq;
- le case composte di uno o più vani costituenti unico alloggio padronale aventi superficie utile complessiva superiore a 200 mq (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto macchine) ed aventi come pertinenza un'area scoperta della superficie di oltre sei volte l'area coperta;
- le singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a 240 mq (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto macchine).

Per essere classificate “di lusso” è sufficiente possedere una sola di queste caratteristiche. Definite le regole, è quindi necessario capire cosa si intende per superficie utile.

Immobili di lusso e superficie utile
Secondo i giudici, nella superficie utile vanno conteggiati anche i locali non abitabili, quindi anche i seminterrati con un’altezza inferiore a quella prescritta dal regolamento edilizio comunale.

Nel caso preso in esame, il regolamento edilizio prevedeva un’altezza minima di 2,70 metri per riconoscere l’abitabilità ai piani inferiori. Il locale in questione era invece alto 2,60 metri. Non essendo abitabile, secondo il proprietario doveva essere escluso dal conteggio della superficie utile.

Escludendolo, l’immobile avrebbe avuto una superficie inferiore a 240 metri quadri e per il suo acquisto il proprietario avrebbe potuto usufruire delle agevolazioni riconosciute alle prime case, cioè delle imposte di registro, ipotecaria e catastale ridotte.

La Cassazione ha bocciato questa interpretazione stabilendo che per il calcolo della superficie utile non è necessaria l’abitabilità del locale. L’acquirente ha quindi pagato le imposte con aliquota piena.



04/10/2016